Un sogno,una vita

Per rivivere la storia dei Beatles a Monte Battaglia,domenica 28 luglio 2013 alle ore 19:30

...i loro nomi sono Paul McCartney  e John Lennon, escono dalla nebbia quei ragazzi e conquistano il mondo con parole d’amore e d’ottimismo, canzoni che filtrano il muro del mito e lo liberano sopra i nostri destini...
Questo è l’inizio di “Un sogno, una vita” spettacolo teatrale ideato da Fabio Santini per rivivere la storia, le emozioni e le canzoni dei Beatles.
Un progetto musical/teatrale che nasce nel 2012 con la collaborazione del Centro professionale Musica di Milano diretto da Franco Mussida dove vengono selezionati, tra i ragazzi che lo frequentano, i quattro musicisti che diventeranno i Nowhere Boys dello spettacolo. Sono Andrea Norzi (chitarra ritmica e voce), Marco Morini (basso e voce), Marco Agnoletti (batteria e voce), Antonio Pezza (chitarra solista e voce). Loro il compito di seguire la voce narrante che accompagna lo spettatore in una storia che trascende il tempo, una musica che non conosce età, un altrove che non ha collocazione e che non ha mai fine che è la grande musica dei Fab Four.
Nella splendida e suggestiva cornice di Monte Battaglia, aspettando il tramonto, domenica 28 luglio, alle ore 19:30, un’occasione unica per far conoscere ai più giovani quella che potrebbe diventare la colonna sonora anche della loro vita.
A termine concerto, per chi volesse rimanere a Monte Battaglia per scrutare la notte stellata, sarà presente il Planetario di Ravenna per le osservazioni astronomiche guidate.
La biglietteria per l’evento sarà attiva già dalle ore 18:00, il prezzo del biglietto per lo spettacolo è di Euro 5, ridotto Favola Card  Euro 4 .
Monte Battaglia si raggiunge in auto fino al parcheggio adiacente il Monte (quota 660)  e si sale a piedi lungo il sentiero alla Torre (quota 715), dove ci aspetta un ampio parco con monumenti in bronzo e una serie di targhe che ricordano i fatti della seconda guerra mondiale.

Vi consigliamo un abbigliamento comodo e caldo per la sera ed una coperta da stendere sul prato (non ci sono sedie nè platea!)

Presente come ogni anno il presidio ANPI che mette a disposizione i suoi ferrei volontari con piadina romagnola e sangiovese.
Casola è una Favola porta come ogni anno una ricchezza di visioni dove poter attingere e assetarsi per rendere più vicina la meta di quella rivoluzione culturale che partendo dai più giovani potrebbe viralmente contagiare tutte le generazioni...una rivoluzione che speriamo arrivi presto per ridare dignità alla Cultura Italiana, al suo Patrimonio, e ai suoi creativi.


  • IT
  • EN